PRONEP VIT

PRONEP Vit

Conosciamo meglio PRONEP vit

La VITAMINA A è presente sia in alimenti di origine animale che vegetale; tra questi: il fegato animale e l'olio di fegato di merluzzo, le uova e i latticini; abbondanti quantità di vitamina A (sotto forma di carotenoidi) sono presenti in frutta e ortaggi giallo-arancioni (pomodoro, carota, peperone, zucca, albicocca) e in alcuni ortaggi a foglia verde (lattuga, asparagi, broccoli). La vitamina A, appartenete al gruppo delle vitamine liposolubili, è essenziale per la realizzazione del processo visivo e per la differenziazione cellulare; ha un'azione protettiva nei confronti della pelle e delle mucose . Svolge, inoltre, un ruolo importante nella conservazione delle membrane cellulari (funzione antiossidante: combatte i radicali liberi, contrasta gli effetti dannosi del fumo e dell'inquinamento), nella sintesi proteica e nella formazione di ossa e denti.  La vitamina A è molto importante anche per la risposta del sistema immunitario.

La VITAMINA D, liposolubile come la A, la E e la K, è prodotta dalla pelle che la sintetizza dal precursore 7-deidrocolesterolo grazie all'azione della luce solare. La vitamina D è essenziale per il mantenimento dell'omeostasi del calcio e del fosfato. La forma metabolicamente attiva è l' 1,25-(OH)2-colecalciferolo che agisce favorendo: l'assorbimento del calcio a livello intestinale; il riassorbimento del calcio e del fosforo nel tubulo contorto prossimale renale; la deposizione del calcio a livello del tessuto osseo. La vitamina D è quindi  essenziale per una corretta mineralizzazione delle ossa e dei denti ed è indispensabile per la crescita e il rimodellamento osseo.

Troviamo la vitamina D in questi alimenti: il fegato, gli oli di pesce, alcuni pesci marini (aringasalmonesardina); quantità minori sono presenti nelle uova, nel burro e nel latte.

La VITAMINA E è formata da un gruppo di composti chiamati tocoferoli e tocotrienoli. Il nome tocoferolo deriva dal greco tocos, che significa nascita e pherein che significa portare avanti. Questo nome le è stato attribuito per evidenziare il suo ruolo essenziale nella riproduzione. Grazie alla sua attività come antiossidante, contrasta i processi di invecchiamento cellulare ed è coinvolta nelle difese immunitarie.

Gli oli vegetali (arachidi, soia, mais, palma,  girasole ecc.) e il germe di grano rappresentano le principali fonti  di vitamina E. Il tocoferolo è presente anche nelle noci, nei semi, nei cereali a grano intero e nelle verdure a foglia verde.

 

La VITAMINA K è una vitamina liposolubile che garantisce la corretta funzionalità di alcune proteine che formano e mantengono forti le nostre ossa. La vitamina K è inoltre coinvolta nella coagulazione del sangue (attività antiemorragica). La vitamina K è contenuta in natura negli ortaggi a foglia verde (spinaci, lattuga, broccoli, cavolfiore, cavoletti di Bruxelles) e, in quantità inferiori, nei cereali, nella carne e nei latticini.

La VITAMINA C o acido ascorbico è una vitamina idrosolubile alla quale sono riconosciute numerose funzioni: facilita l'assorbimento del ferro, contribuisce alla produzione dei globuli rossi, protegge i vasi sanguigni, aiuta la guarigione delle ferite e delle fratture ossee e mantiene sani i denti e le gengive. Oltre a prevenire lo scorbuto, la vitamina C è un importante antiossidante e rinforza le difese immunitarie. La vitamina C è largamente presente negli ortaggi e nella frutta: tra le fonti principali vi sono gli agrumi, i kiwi, le fragole, il ribes nero, le verdure a foglia scura (broccoli, crescione, spinaci, cavolo), i pomodori e le patate. Per mantenere attive le proprietà della vitamina C contenuta nei cibi occorre evitare una cottura prolungata ed è preferibile consumare frutta e verdura fresche, che vanno tenute al riparo da luce e calore, ma non congelate.

La VITAMINA B1, o TIAMINA, è una vitamina idrosolubile che fa parte del gruppo B. Le vitamine di questo gruppo prendono parte al metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine e sono quindi essenziali per la produzione di energia e per il normale funzionamento di diversi organi e apparati. Le più importanti fonti di vitamina B1 sono i cereali integrali e la carne, ma essa è presente anche in alcuni legumi secchi (ceci, fagioli bianchi, fagioli di Spagna), nel germe di grano, nel fegato di manzo, nelle carni di maiale, nel salmone e nei semi di girasole essiccati. Anche il lievito di birra ne contiene importanti quantità.

La vitamina B1 è essenziale per il corretto funzionamento del sistema nervoso, del cuore e dei muscoli. Contribuisce inoltre alla formazione dei globuli rossi e svolge un'azione antinevritica, come nel trattamento dell'herpes zoster.

La riboflavina o VITAMINA B2 non ha nell’organismo una fonte d’immagazzinamento, pertanto deve essere assunta ogni giorno. Agisce sul buon funzionamento delle mucose respiratorie e digestive, oltre a contribuire all'integrità del sistema nervoso, della pelle e degli occhi. Utile per lo sviluppo e la crescita, la vitamina B2 attiva gli enzimi coinvolti in diverse reazioni del nostro organismo. La vitamina B2 è contenuta nel lievito di birra, nelle interiora di manzo, nel latte, yogurt e formaggio, nel pollo e nelle mandorle. È degradata dalla luce, ma non dalla cottura. Si distrugge se associata al bicarbonato di sodio. Il suo assorbimento è ridotto anche dal consumo di alcolici, di tabacco, di zucchero in eccesso e dal caffè. Anche l’uso della pillola anticoncezionale può indurre una carenza di vitamina B2. La riboflavina è importante per il metabolismo energetico, per il rinnovamento della pelle, unghie e capelli sani e, soprattutto per il buon funzionamento della vista. Può essere utile nella prevenzione e nel trattamento della cataratta. La vitamina B2 viene utilizzata per la formazione di globuli rossi nel sangue, la produzione di anticorpi, la respirazione cellulare e la crescita. Il suo fabbisogno aumenta nei periodi di rapida crescita e in caso di elevata assunzione di proteine.

Le tre forme attive della VITAMINA B6 sono la piridossina, il piridossale e la piridossamina (tutti  derivati della 2-metil- piridina), tutte esplicano un'azione essenziale nel metabolismo umano, prendendo parte ai processi di trasformazione delle proteine, nella formazione dei globuli rossi e nella produzione di energia. La vitamina B6 è essenziale per l'integrità del sistema nervoso ed è indispensabile per la sintesi della serotonina, che migliora il tono dell’umore. È utile in alcune forme di anemia ed ha effetti positivi sulla sindrome premestruale. Le migliori fonti naturali di vitamina B6 sono gli alimenti a base di farine integrali,  frutti tropicali come avocado e banane, le nocciole, il germe di grano, il lievito di birra, le carote. Inoltre è contenuta nel riso e nelle lenticchie è presente anche nei gamberetti, nel tonno e nel salmone.

La VITAMINA B12 (o cianocobalamina) è una vitamina idrosolubile che agisce sulla sintesi del DNA, contribuisce al regolare funzionamento del metabolismo ed ha effetti positivi sulla salute del cervello e del sistema nervoso, promuovendo la crescita e lo sviluppo delle cellule. E’ utilizzata nella cura dell'anemia perniciosa per il suo ruolo per la formazione dei globuli rossi e nelle terapie coadiuvanti nelle polineuropatie.

Come fonti naturali, la vitamina B12 è assente negli ortaggi, mentre si trova nel manzo (specie nel fegato), in alcuni tipi di pesce (aringa, sardine, sgombro), nei molluschi, nelle uova, nel latte e nei latticini.

La BIOTINA o VITAMINA H è tra le vitamina idrosolubili che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare autonomamente. Per assumerla bisogna scegliere alimenti quali lievito, fegato di vitello, tuorlo d'uovo, latte di mucca e formaggio, frutta secca, grano, riso integrale, lenticchie, piselli, carote, lattuga, cavolfiori, funghi.  La biotina svolge il ruolo di coenzima ed interviene nel metabolismo dei grassi e dei carboidrati e in diverse altre reazioni che avvengono nelle cellule. È utile per un regolare funzionamento del midollo osseo e per la salute della pelle e dei capelli. In quest'ultimo caso viene spesso consigliata insieme all'assunzione di acido folico.

La VITAMINA B3 o niacina, conosciuta anche come vitamina PP ,  è  biologicamente attiva sotto forma di “nicotinamide adenin dinucleotide” (NAD) e di “nicotinamide adenin dinucleotide fosfato (NADP), che agiscono come coenzimi.

In generale, la vitamina B3 è necessaria per la respirazione cellulare, aiuta nella liberazione di energia e  per il metabolismo dei carboidrati, grassi e proteine; contribuisce ad una buona circolazione e alla salute della pelle (contro la pellagra). Inoltre partecipa al  funzionamento del sistema nervoso, e alla normale secrezione di fluidi biliari e dello stomaco. Potenzia la memoria e sembra essere anche efficace nel trattamento dell’ansia. La niacina è anche efficace nel migliorare la circolazione e ridurre i livelli di colesterolo nel sangue.

La niacina partecipa inoltre a numerose reazioni di ossidoriduzione, nella sintesi di acidi grassi e di amminoacidi. In qualità di coenzima, la niacina aiuta gli enzimi nella scomposizione delle proteine, dei grassi e dei carboidrati.

Tale vitamina esercita una funzione importante nella prevenzione cardiovascolare. L’assunzione di niacina aiuta a ridurre i livelli di colesterolo e di Ldl  colesterolo e aumenta le concentrazioni del colesterolo “buono” Hdl.

Le maggiori fonti naturali di vitamina B3 sono le arachidi, la carne bianca (specie il tacchino), e la carne rossa quale il vitello, il fegato di manzo. Le carni, in generale, abbondano di vitamina PP.Nel pesce questa vitamina si trova soprattutto nelle acciughe, nel tonno, nelle sarde, nel pesce spada e nel salmoneFrutta, verdura e uova ne contengono una bassa quantità. Al contrario, i cereali integrali e i loro derivati, la crusca, il latte e il formaggio sono ricchi di vitamina B3.

La FOLACINA  o ACIDO FOLICO o VITAMINA B9  è essenziale alla sintesi del DNA e delle proteine ed è fondamentale nella prevenzione delle malformazioni neonatali quali la spina bifida; inoltre è utile al buon funzionamento degli organi sessuali e all’equilibrio della salute mentale ed emotiva. Interviene nella produzione di DNA e RNA, quindi è particolarmente importante durante i periodi di forte crescita, come in gravidanza, nell'infanzia e nell'adolescenza. Insieme alla vitamina B12, partecipa alla corretta formazione dei globuli rossi. Considerate le funzioni dell’acido folico, si capisce che i segnali più comuni di carenza sono l'anemia, i disturbi del sonno e la difficoltà di concentrazione. Le fonti naturali di acido folico sono: arance, kiwi, verdure a foglia scura, pomodori, legumi, germe di grano, lievito di birra, fegato di vitello, cereali.

La VITAMINA B5 o ACIDO PANTOTENICO è ampiamente presente in natura: è contenuta nei piselli, nelle lenticchie, nei cereali integrali, nel germe di grano, nel lievito di birra, nella soia e nelle arachidi. Anche l'aragosta e le uova ne contengono quantità rilevanti, come tutta la carne e il fegato. La vitamina B5 promuove la crescita e lo sviluppo e favorisce l'utilizzazione energetica degli alimenti, svolgendo un ruolo essenziale per la sintesi di grassi, proteine e carboidrati. Come le altre vitamine del complesso B, ha effetti positivi sul sistema immunitario. Inoltre è necessaria al corretto funzionamento delle ghiandole surrenali e del sistema nervoso. L'acido pantotenico è il precursore del Coenzima A.

CALCIO, FOSFORO, MAGNESIO sono sali minerali, sostanze indispensabili per il corretto sviluppo di tessuti e organi e per la produzione di energia e il mantenimento dell'equilibrio idrosalino. Essendo presenti nel nostro organismo in quantità maggiori sono definiti macroelementi.

Questi macroelementi sono importanti per lo scheletro e i denti, la contrazione muscolare, la trasmissione nervosa e il corretto funzionamento del metabolismo. Il calcio controlla anche la coagulazione del sangue. Latte e derivati, legumi e pesce forniscono calcio e fosforo, mentre tutti i vegetali verdi, le noci, il cacao, il grano tenero e i fagioli sono ricchi di magnesio.

 

FERRO, ZINCO, RAME, MANGANESE SELENIO, CROMO, MOLIBDENO e IODIO sono sali minerali definiti microelementi (o oligoelementi), perchè  presenti soltanto in tracce. Gli oligoelementi permettono l'attività di molti enzimi e garantiscono il benessere di ossa, connettivi, milza e fegato.

Citiamo il ruolo dello iodio, indispensabile per gli ormoni tiroidei che intervengono nei processi di sviluppo e accrescimento dei vari organi e nella regolazione di diversi metabolismi